PERFORMANCE DI DIPLOMA
2022-23

RIEVOLUZIONE DEF.png

PERFORMANCE ARTICHOKE/ 2022 17-18-19 Giugno

RIeVOLUZIONE

Ideazione e Coreografia: Rebecca Pesce, Stefania Trivellin

Performance con gli allievi del primo anno di “Artichoke Formazione Superiore in danza contemporanea”.

La danza in questa performance si presenta attraverso vari quadri al femminile. Ci si muove in una ricerca continua, in una contesa tra il cercare l’equilibrio nell’essere da soli, facendo tesoro delle proprie forze e la presa di coscienza che tutti abbiamo bisogno di amare, di appoggiarci all’altro,

di condividere, perché siamo animali socialie la vera rivoluzione è imparare che la libertà è saper stare con l’altro da sé. Come in un romanzo di formazione, in cui si impara a camminare da soli, il tempo passato a

vivere ci fa accorgere che non siamo nulla senza l’altro, che sia individuo

o gruppo.

Uscire dagli schemi per diventare grandi e poi rientrarci non senza sentirne il conflitto, per quel movimento naturale della vita che ci porta a riconoscerci attraverso l’altro.

La danza quindi diventa un atto rivoluzionario raccontando, nel linguaggio a volte teso e profondo, altre leggero ed ironico delle 8 giovani danzatrici, un distacco dalle radici, la ricerca di un distinguo da ciò che ha formato e cresciuto qualsiasi generazione rappresentato dal magma primordiale del tessuto, che ritorna come uno spettro,un’ombra a ricordarci che “Io non sono mai solo Io”. Il movimento diventa una spinta alla ricerca del proprio posto nel mondo, un posto che cambia aspetto continuamente proprio mentre noi cerchiamo di mettere a fuoco un’identità che ci resetti l’anima e

che ci aiuti a sentirci meno soli.

Interpreti:

Michela Amabili, Roberta Di Serio, Arianna Bessi, Gaia Turturo, Mia Ostinelli, Eleonora Serpente, Malvina Gonzales, Chiara Buonomo

Ideazione e Coreografia: Rebecca Pesce, Stefania Trivellin

EST MODUS IN REBUS

La misura delle cose

Ideazione e coreografia: Vittoria De Ferrari Sapetto

Performance con gli allievi del II annodi Artichoke Formazione Superiore in danza contemporanea.

Ogni individuo si rapporta col creato e con sé stesso utilizzando come termine di paragone la misura della propria coscienza e conoscenza tramite la quale interpreta e traduce gli stimoli che pervengono dall’esterno e dall’interno di se’. La misura, in effetti, e’ rapporto ed e’ quindi Coscienza: il rapporto esatto é sempre variabile fra spirito e sostanza. Questi sono stati gli spunti principali di riflessione per poter affrontare questo processo creativo che si è’ svolto in totale collaborazione con gli interpreti.

Interpreti: Alice Cavalieri, Carolina Maldarelli, Matteo Maringoila, Zoe Salvalai, Eleonora Zani.

in rebus est modus 3.png

Progetti personali

GURF A
Ideazione, danza e coreografia: Alice Cavalieri, Carolina Maldareeli, Matteo Maringola, Zoe Salvalai, Eleonora Zani.

WhatsApp Image 2022-06-16 at 21.26.01.jpeg

Gurf A, sostantivo arabo traducibile come “una manciata”, contiene nel proprio significato un’associazione all’acqua che consente di interpretarlo come “l’acqua che puoi tenere in una mano”.

A partire da questa immagine, all’interno della performance l’acqua assume il valore della vita stessa, un fiume che inesorabilmente fluisce nel tempo e nello spazio trasportandoci all’interno di esperienze che ci plasmano, ci arricchiscono, ci rinnovano, depositandosi in noi come gocce sul fondo di un pozzo da cui poter attingere.

Quanto tratteniamo di ciò che ci attraversa? Cosa lasciamo scivolare via? 

Cosa rimane degli incontri, delle parole, delle passioni? Cosa resta delle paure, del dolore, delle difficoltà e dei conflitti? Delle violenze, delle cure, del contatto? Cosa rimane dell’altro, di noi con l’altro? 

Cosa rimane di ciò che è stato?

Quanta vita tratteniamo?